L’addio a Lucio Dalla sulle note delle sue canzoni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:48

La camera ardente – Era avvolta dalla magica atmosfera creata dalle note delle sue canzoni la camera ardente allestita questa mattina nel cortile d’onore del Palazzo D’Accursio, nel cuore della sua Bologna. Per tutto il giorno il sindaco della città ha disposto che in piazza Maggiore potranno essere ascoltati, grazie agli altoparlanti predisposti, i suoi brani.

Tanti personaggi – Numerosi i personaggi del mondo dello spettacolo e della politica, tutti sentitamente commossi per la scomparsa di un pezzo di storia della nostra canzone, ma ancora più commovente è stato il grande flusso di persone corse da ogni parte d’Italia a rendere l’ultimo saluto a Dalla, che hanno riempito le vie intorno a Palazzo d’Accursio.

Sulla bara gli oggetti a lui cari – Alle spalle del feretro è stata posta un’immagine dell’Ultima cena in chiave moderna, scatto di un suo amico e talento da lui scoperto, Stefano Cantaroni, mentre sulla bara sono stati posti oggetti significativi per il cantante: una sigaretta, un cornetto portafortuna che gli era stato donato da un amico professore di Napoli, e una rosa rossa. Ai piedi del feretro la corona di fiori inviata da Julio Iglesias. I suoi amici più cari, primo tra tutti Gianni Morandi, non sono riusciti a nascondere la commozione e il dolore per la perdita di un grande uomo, prima che cantante, che però ha guadagnato l’immortalità regalandoci delle canzoni meravigliose e indimenticabili. Grazie Lucio, ovunque tu sia.

Marta Lock

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!