Roma, Luis Enrique carica i suoi: “Senza paura”

Roma, Luis Enrique – Volto tirato e tensione alle stelle. Si presenta così l’allenatore della Roma, Luis Enrique, alla vigilia di una partita fondamentale che potrebbe cambiare in positivo il finale di stagione della sua squadra. Senza preoccuparsi di contraddire pensieri e parole del ds Sabatini, carica i suoi ragazzi e parla di schemi da adattare alle caratteristiche degli avversari. In fondo, anche l’integralismo tattico di Luis deve inchinarsi di fronte a una sfida diversa da tutte le altre: il derby è una partita unica, stimolante, e la squadra è prontissima per domani, per un match in cui anche gli infortunati sono prontissimi.

Nessuna paura – L’allenatore non fa mistero di quali siano stati i propositi del suo lavoro in questi giorni e reagisce così: “Per tutta la settimana ho pensato solo a come fare male alla Lazio. Questa partita si gioca con il cuore e la passione, ma controllando testa ed emozioni. La paura non deve esistere – spiega – conosciamo le difficoltà ma sono ottimista e fiducioso. In questa stagione la Roma può arrivare terza o settima, ma domani può essere la gara della svolta. Perché è un derby, ma anche perché la Lazio è un avversario diretto per la Champions League o la Uefa. Una gara fondamentale, ma non è la più importante della mia carriera. Se vinciamo andiamo a meno quattro. E poi vediamo cosa succede, io mi prendo le mie responsabilità”.

 

Giuseppe Ferrara