Ucciso 18enne davanti casa

IncensuratoCarmine Cristiano Mantice, 19 anni da compiere nel mese di aprile, stava chiacchierando con alcuni amici vicino al palazzo nel quale viveva, in via Profumo nel quartiere di San Carlo Arena a Napoli, quando improvvisamente si è avvicinato uno scooter con a bordo due ragazzi che gli hanno sparato un colpo dritto al torace uccidendolo.

La corsa in ospedale – I suoi amici hanno immediatamente chiamato il 118, ma per il giovane era già troppo tardi. All’arrivo in ospedale i medici non hanno potuto far altro che constatarne il decesso, la pallottola entrata da dietro nell’emitorace destro e uscita dal sinistro non gli ha lasciato scampo. Il ragazzo era incensurato e secondo i primi accertamenti l’omicidio non sarebbe riconducibile alla criminalità organizzata, poiché non sono stati riscontrati contatti di nessun tipo con ambienti malavitosi, a parte uno dei due amici con i quali stava parlando, 25enne con precedenti, e uno zio.

Vendetta personale – Gli inquirenti della squadra Mobile di Napoli, stanno ora prendendo in esame, attraverso l’interrogatorio degli amici presenti all’omicidio, la vita privata del ragazzo, in quanto l’ipotesi più accreditata al momento sarebbe quella della vendetta personale dovuta a dissapori o faccende sentimentali. Il giovane, orfano di padre, viveva con la madre che svolge lavori saltuari.

Marta Lock