Serie A, Fiorentina-Cesena 2-0: i viola respirano ma Jovetic si infortuna

Fiorentina-Cesena 2-0 – Lo scontro tra due squadre in crisi termina con la vittoria della Fiorentina, che si impone in casa con due reti di scarto. Non è stata una bella partita, tra due squadre intimorite ognuna dalla propria barcollante posizione: il Cesena era e resta ultimo, mentre la Fiorentina galleggiava appena sopra la zona retrocessione, non segnando una rete da oltre 300 minuti. Astinenza interrotta da un’autorete, quella di Moras, che anticipando Amauri ha trafitto il proprio portiere: ci ha pensato poi Nastasic a chiudere i conti, appoggiando in rete un semplice pallone. Brutte notizie da Jovetic, uscito dopo 20 minuti per problemi muscolari.

Jo-Jo si infortuna – Finchè c’è Jovetic in campo, il Cesena rimane basso, rintanato nella propria metà campo in balìa degli eventi. La Fiorentina, col suo 3-5-2 fa la partita e sfiora il gol con un tentativo di Lazzari che alza troppo il pallonetto, e di Pasqual che non trova la porta con un diagonale. Il Cesena dal canto suo rinuncia a Mutu proprio nel giorno del possibile rientro a Firenze: una scelta questa che farà discutere, anche perchè la qualità latita. Neanche Santana e Parolo sono in partita e Iaquinta rimane da solo a lottare contro i centrali viola, in uno scontro che lo vedrà quasi sempre perdente.

Mosse scacchistiche – Nel secondo tempo la musica cambia grazie anche alle mosse dei due allenatori: è Delio Rossi ad indovinare il cambio giusto: fuori Salifu, dentro Vargas e squadra riposizionata con un razionale 3-4-3, mentre Beretta sostituisce uno spaesato Del Nero (alla prima partita da titolare) con Martinez. Ma è su una sciagurata autorete che il Cesena prende il gol che segnerà negativamente la sua partita: Moras, forse il migliore in campo dei suoi, nel tentativo di anticipare Amauri disegna una traiettoria diabolica, imprendibile per il proprio portiere. E’ l’1-0 che spiana la strada ai viola, che di lì a poco raddoppieranno con Nastasic abile a scagliare il pallone in rete dopo una torre di Natali. Il resto è accademia: la Fiorentina respira, il Cesena sprofonda sempre più giù.

R. A.