Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica

Fassina e il dietrofront del Pd sul corteo della Fiom

CONDIVIDI

Il partito guidato da Pier Luigi Bersani continua a tradire un andamento incerto. Dopo l’iniziale “benedizione” dello sciopero generale indetto dalla Fiom per venerdì prossimo, è giunta, infatti, ieri la frenata dei democratici che, attraverso il responsabile Economia, Stefano Fassina, hanno spiegato il motivo dell’improvviso dietrofront. “Sulla vicenda Tav abbiamo posizioni molto diverse rispetto alla Fiom – ha chiarito il bersaniano – e per questo sarebbe incoerente partecipare al corteo”.

Le buone ragioni della Fiom – “Un sindacato importante è estromesso dalla rappresentanza nelle aziende del gruppo Fiat, ci sono rischi d’intimidazione molto seri a Pomigliano, c’è una violazione della libertà di informazione in alcuni luoghi di lavoro e quindi abbiamo ritenuto fondate le ragioni alla base dello sciopero della Fiom“. Fino a ieri pomeriggio il responsabile Economia del Pd, Stefano Fassina, non faceva fatica a riconoscere i buoni motivi che hanno spinto il sindacato di Maurizio Landini a organizzare per venerdì prossimo una grande mobilitazione a Roma.

La Tav che divide – Di più: “Personalmente avevo annunciato la mia partecipazione insieme ad altri dirigenti del partito” ha aggiunto Fassina, ma poi qualcosa è intervenuto a sparigliare le carte. Che cosa? Stando alla versione fornita dal democratico, a invertire la rotta sarebbero stati gli ultimi accadimenti in Val di Susa, con la Fiom sempre più solidale alla battaglia del movimento No-Tav. “Purtroppo per quanto avvenuto nelle ultime settimane – ha spiegato Fassina – la manifestazione della Fiom si è caricata di significati altri. In particolare per quanto riguarda la vicenda Tav, noi abbiamo posizioni molto diverse dalla Fiom e questo ci porta a dire che sarebbe incoerente per noi partecipare. Tuttavia – ha ribadito il responsabile dell’Economia nel Pd – manteniamo il nostro impegno a intervenire su quelle ferite alla democrazia nei posti di lavoro che sono ferite a tutto il paese.

Maria Saporito

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram