Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Uccisione Lamolinara: così il governo Monti è credibile all’estero?

CONDIVIDI

Morte di Franco Lamolinara: il problema diplomatico. – Ancora discordanti le versioni date dai governi italiano e inglese riguardo il blitz condotto dalle forze armate della Gran Bretagna a Sokoto, in Nigeria, durante il quale ha perso la vita l’ostaggio italiano Franco Lamolinara, di 48 anni. “Comportamento inspiegabile”, sono le parole del capo dello Stato Giorgio Napolitano, al riguardo della mancata informazione da parte delle autorità britanniche sull’intervento armato che stavano per compiere. Smentiscono, per ora, fonti britanniche che hanno dichiarato al quotidiano The Independent che “gli italiani, che non avevano presenza sul terreno […] erano stati informati dell’eventualità del blitz a Sokoto”, e per giunta “at short notice”, con preavviso ravvicinato. “Le proteste che le cose sono andate altrimenti non sono sincere, è stato il poco lusinghiero commento aggiunto dalla fonte che ha parlato con l’Independent.

Ricostruzioni dei fatti. – Secondo le ricostruzioni dei fatti diffuse dal governo britannico, inoltre, gli ostaggi Lamolinara e Chris McManus sono stati uccisi dai rapitori “con un colpo alla testa”, durante il blitz iniziato dalle forze speciali inglesi. Addirittura, secondo il Daily Telegraph, i due sono rimasti uccisi “prima ancora che le Sbs entrassero nel compound”. Ancora tutte da chiarire queste dichiarazioni, così come l’incidente diplomatico non solo tra governo britannico e Italia, ma anche tra le forze dinamiche esistenti all’interno del governo Monti, ed in particolare si acuiscono le tensioni con il parlamento.

Roberto Maroni: ennesima figuraccia del governo tecnico. – E prende la palla al balzo, infatti, la Lega, per rimarcare le fragilità di questo governo. Sul suo profilo di Facebook, l’ex ministro dell’Interno commenta i fatti dicendo che “dopo la figuraccia sui marò, il governo (per nulla) autorevole dei professori si fa prendere in giro dagli inglesi”. E specifica che nel frattempo Terzi, attuale ministro ad interim, manda i figli a scuola in auto blu.
L’ex sottosegretaria alla presidenza del Consiglio Daniela Santanché rincara la dose e lancia un affondo sull’attuale governo, osservando che si sta parlando tanto di credibilità all’estero, in nome della quale agli italiani sono richiesti sacrifici estremi e durevoli, mentre l’India non ci restituisce ancora i due marò, e la Gran Bretagna non mostra molto maggiore considerazione.

Sandra Korshenrich