Donna scomparsa a Pisa, indagato il marito

Scomparsa due mesi fa – Era scomparsa nella notte del 13 gennaio scorso Roberta Ragusa di San Giuliano Terme, provincia di Pisa. Era uscita di casa con indosso una tuta rosa e le scarpe da ginnastica, lasciando a casa il marito, proprietario insieme a lei di una scuola guida, e i due figli di 11 e 15 anni che adorava e che, a detta delle sue amiche, non avrebbe mai abbandonato volontariamente.

Indagini su una possibile doppia vita – In principio le indagini si erano orientate a una possibile doppia vita della donna, presto esclusa, poi è stata seguita la pista del suicidio, fino alla notizia trapelata oggi: il marito, Antonio Logli di 48 anni, è indagato per l’omicidio di Roberta. Era stato proprio l’uomo il mattino successivo a dare la notizia della scomparsa della donna, dichiarando di essersi reso conto della sua assenza solo il mattino. L’uomo, a lungo interrogato dagli inquirenti, aveva raccontato di una vita familiare serena e senza ombre.

Le dichiarazioni delle amiche – Ma le amiche di Roberta avevano subito messo gli investigatori al corrente della relazione clandestina che Logli aveva con la sua segretaria, Sara Calzolaio di 28 anni, e del fatto che Roberta, a seguito dei primi sospetti, aveva iniziato a pedinare Logli, che non sopportava di essere controllato e per questo reagiva male e litigava con lei sempre più frequentemente. Tra l’altro i cellulari con i quali i due amanti comunicavano segretamente sono stati fatti sparire, facendo credere agli inquirenti che nascondano la chiave per risolvere il mistero della scomparsa della donna.

Marta Lock