Serie A, Cesena-Siena 0-2: Brienza e Bogdani condannano i romagnoli


Cesena-Siena 0-2 – Sprofonda sempre più il Cesena, sconfitto 0-2 in casa dal Siena. I romagnoli fanno la partita e hanno le occasioni migliori per oltre un’ora. Poi, al 73’ l’episodio che spacca la partita. Ceccarelli commette fallo su Calaiò in area di rigore. Cartellino rosso e penalty per il Siena: Terzi si fa ipnotizzare da Antonioli, sulla ribattuta Brienza realizza in netto fuorigioco. In inferiorità numerica, il Cesena non ne ha più e subisce il raddoppio all’ 82’ a opera di Bogdani. I toscani raccolgono dunque il massimo risultato con il minimo sforzo e guadagnano tre punti sul Lecce terz’ultimo.

Cesena pericoloso – Decimato da infortuni e squalifiche – mancano Comotto, Parolo, Guana, Mutu e Iaquinta – il Cesena si presenta con una formazione inedita: a centrocampo c’è l’esordio da titolare di Tommaso Arrigoni, 18 anni compiuti lo scorso 26 febbraio. In attacco, Malonga e Martinez sono supportati da Santana. Il Siena è al completo con la coppia Calaiò-Destro in avanti.
La prima occasione della partita è per i toscani: spunto di Destro, cross in mezzo per Giorgi che gira di testa e manda alto sulla traversa. Al quarto d’ora, Antonioli allontana un corner pericoloso di Brienza. Il Cesena è un diesel: carbura pian piano e si fa vedere finalmente al 21’ quando Pegolo è chiamato a un grande intervento su Martinho innescato da Santana. Il Siena risponde poco dopo con Brienza che, sugli sviluppi di un calcio di punizione, raccoglie la respinta della barriera e conclude di poco a lato. La cattiva sorte intanto colpisce ancora i padroni di casa: alla mezz’ora, Martinez esce per infortunio ed è sostituito da Del Nero. Al 41’ ci prova ancora Martinho dalla distanza, ma con poca precisione. Nel finale di tempo, è Arrigoni a tentare la botta vincente da lontano: Pegolo blocca facile.

Siena spietato – Anche nella ripresa, il Cesena attacca a testa bassa ma senza portare chissà quali pericoli alla porta difesa da Pegolo. Gli unici episodi da annotare sono due punizioni, una di Santana che sfiora l’incrocio dei pali e un’altra di Rennella che finisce altissima. Il Siena, dal canto suo, aspetta gli avversari e al primo contropiede utile trova l’episodio che cambia la partita. Minuto 73: Ceccarelli stende Calaiò in area. Cartellino rosso per il difensore romagnolo e rigore per il Siena. Se ne incarica Terzi che si vede respingere la conclusione sul palo da Antonioli, lo stesso Terzi raccoglie e serve Brienza – in netto fuorigioco – che mette dentro. Nell’occasione, l’assistente dell’arbitro è completamente fuori posizione e non ravvisa l’offside dell’esterno senese. All’ 82’ ancora Brienza è protagonista: serve il cross per Bogdani e l’attaccante albanese in spaccata raddoppia. È il suo terzo gol consecutivo, così come tre sono le vittorie consecutive del Siena. Per il Cesena, invece, il baratro è a un passo.

Miro Santoro