Champions League: Napoli eliminato, Real a valanga

Champions League- Finisce la favola del Napoli che a “Stamford Brigde” deve arrendersi 4-1 al Chelsea dopo 120 minuti di partita. Partono forte i partenopei che nei primi 20 minuti mettono alle corde i padroni di casa, collezionando palle-gol a ripetizione. Il Chelsea però reagisce con i senatori e al 27 sblocca il risultato con un’incornata di Drogba che manda in rete un cross di Ramires. Il Napoli non si disunisce ma ad inizio ripresa incassa il raddoppio di Terry su calcio d’angolo che manda virtualmente il Chelsea ai quarti. Gli azzurri reagiscono e al 55′ trovano il gol con una bordata dalla distanza di Inler. La squadra di Mazzarri è sfortunata in attacco e al 75′ incassa il 3-1 di un altro senatore, Frank Lampard, che dal dischetto pareggia i conti dell’andata e manda il match ai supplementari. Nei primi quindici minuti ci prova Torres che, dopo uno svarione di De Sanctis, manda incredibilmente fuori a porta vuota. Alla ripresa delle ostilità Drogba spacca il match: bel filtrante per Ivanovic che dal centro dell’area non sbaglia e infila sotto la traversa il gol qualificazione per il Chelsea.

Real a valanga- Facile l’accesso ai quarti per il Real Madrid di Mourinho che, dopo l’1-1 rimediato allo stadio “Luzniki” di Mosca, asfalta il Cska con un rotondo 4-1. Partita che si mette subito sul binario delle Merengues grazie a Higuain che al 26′ sblocca il risultato su assist di Kakà. Il Real non riesce a chiudere la partita nel primo tempo ma lo fa nella ripresa: al 55′ Cristiano Ronaldo raddoppia e al 70′ Benzema, entrato un minuto prima al posto del Pepita, chiude virtualmente il match. Al 77′ Tosic segna il gol della bandiera per i russi che in pieno recupero subiscono il quarto gol, ad opera del solito Ronaldo.

Antonio Pellegrino