Brunetta avvicinato da uomo con scacciacani

Brunetta avvicinato da uomo con scacciacani. . L’ex ministro Renato Brunetta ha vissuto oggi qualche momento di apprensione, a causa di un uomo di 46 anni residente a Calenzano, che l’ha avvicinato impugnando una scacciacani. Alla pistola era stato colorato il tappo rosso di nero, in modo nasconderne, almeno sul momento, il reale modello. Subito braccato dalla Digos, l’uomo è stato trovato in posssesso, sotto la giacca, anche di due sfollagente ed un pugnale. Non ancora chiarito il motivo del gesto. Brunetta che si trovava a Firenze, aveva appena finito di partecipare ad un incontro in un hotel del capoluogo toscano, quando è stato avvicinato da uno sconosciuto che stringeva in una mano una scacciacani.

Arsenale in casa. Secondo quanto riportato da TgCom, il 46enne era già stato accusato di  ” estorsione e porto d’armi abusivo”. Il mese scorso gli sarebbe stato anche notificato il divieto di porto d’armi per uso sportivo. L’uomo si è comunque portato dietro una scacciacani, pur caricata a salve.  A.G. , l’individuo che ha avvicinato l’ex ministro pidiellino, sarebbe un militante di estrema destra e gli uomini delle forze dell’ordine che hanno effettuato la perquisizione nel suo appartamento avrebbero scoperto un vero e proprio arsenale. La procura di Firenze ne ha disposto l’arresto