Pagelle Udinese – AZ Alkmaar: Di Natale e Handanovic eroi, Altidore nevrotico

Pagelle Udinese – AZ Alkmaar – L’Udinese è a tratti positiva, a tratti negativa. Imperfezione causate dalla stanchezza sulle quali marciano Armero e Pasquale, autori di una partita a specchio, soprattutto il primo: nel finale ripetuti errori sulla fascia sinistra non riescono a incidere e a permettere ai bianconeri di ottenere l’obiettivo sperato. Difesa a tratti confusionaria e che perde il suo pilastro, Benatia, dopo pochi minuti. Gli olandesi invece si presentano compatti e attenti e soprattutto bravi a recuperare dopo i 15 minuti iniziali di offuscamento.

Udinese – Handanovic 6,5; Benatia s.v. (Pasquale 6); Domizzi 5,5; Ekstrand 5: la sua prestazione è negativa, da rivedere. In questa stagione si è visto poco in maglia bianconera e a ben ragione: troppi errori in fase difensiva e non spinge nel finale; Ferronetti 5,5 (Fabbrini 6); Pinzi 5,5; Pazienza 6; Asamoah 6,5; Armero 5,5; Floro Flores 5,5; Di Natale 7: osare era la parola d’ordine. Osare e rischiare Di Natale anche all’andata, piuttosto che tenerlo per soli dieci minuti in campo. Rischiare di mettere a rischio la gara col Novara in campionato, andata comunque male, per puntare tutto sulla doppia sfida con la capolista olandese: osare di dire che l’Europa poteva contare più di tre punti in campionato in Piemonte.

AZ Alkmaar – Alvarado 5,5; Marcellis 6, Moisander 6, Viergever 5, Poulsen 6,5; Maher 6, Falkenburg 6,5  (Ortiz s.v.), Elm 5,5: gli tocca la croce del rigore sbagliato, che avrebbe potuto chiudere la partita, che già di per sé era abbastanza ipotecata. A centrocampo però non fa il suo lavoro e viene offuscato dal lavoro molto più intenso di Falkenburg, autore della rete, e di Maher; Beerens s.v. (Klavan 6,5), Holman 6 (Gudmundsson s.v.); Altidore 6,5: è nevrotico, ma lotta su tutti i palloni. Commette tantissimi falli, ma ne guadagna altrettanti, tanto da costringere Domizzi quasi alla seconda ammozione. Una spina nel fianco con esperienza e sostanza.

Mario Petillo