Addio speranze: la Crescina ritirata dal commercio

Non fa crescere i capelli – Udite udite. Forse tutte le persone che l’hanno usata e che non hanno visto aumentare la loro capigliatura neanche di un capello che sia uno, un sospetto al riguardo l’avevano già avuto. Ora però è ufficiale: la Crescina, prodotta dall’azienda svizzera Labo, non ha nessun effetto sulla capigliatura degli utilizzatori.

Le analisi dell’Istituto Superiore di Sanità – L’esito delle analisi parla chiaro, la molecola innovativa presente nella composizione del prodotto non presenterebbe credibilità dal punto di vista chimico perciò non esiste evidenza scientifica che il prodotto faccia crescere i capelli. La Procura di Torino, che aveva aperto un’inchiesta per frode in commercio nei confronti della sede italiana della Labo, in provincia di Padova, preso atto dell’esito degli accertamenti chimici, ne ha disposto la sospensione della pubblicità e il ritiro dal mercato del prodotto sotto accusa.

Classificato come cosmetico – Il pm di Torino, nel suo rapporto alla Procura, aveva evidenziato che il prodotto era stato commercializzato come cosmetico, mentre se le indicazioni della casa che lo produce riguardo a un risveglio delle cellule staminali assopite che causavano la calvizie si fossero rivelate attendibili, avrebbe dovuto essere classificato come farmaco, perciò sottoposto a tutta una serie di controlli molto più approfonditi prima di essere immesso sul mercato.

Marta Lock