Paul Weller e Ben Harper sul palco di “10 Giorni Suonati” a Vigevano

Weller e Harper live – Un duo d’eccezione per completare lo già straordinario cartellone di “10 Giorni Suonati”. Sul palco del Festival che accende l’estate al Castello di Vigevano, infatti, salirà il modfather Paul Weller e il soul guru Ben Harper. Un fiore all’occhiello musicale che dona ancor più prestigio alla kermesse giunta alla terza edizione e che ruota intorno a dieci serate infuocate, dieci appuntamenti con grande musica dal vivo distribuiti in un arco di tempo compreso fra il 13 Giugno – giorno di apertura con i Lynyrd Skynyrd, preceduti sul palco da Molly Hatchet e Betta Blues Society – e il 24 Luglio, quando il pop teatrale di Mika chiuderà la serie di concerti al Castello di Vigevano. Fra i due, si succederanno sul palco Incubus (26 Giugno), Wolfmother (10 Luglio), Garbage (11), Paul Weller (12), Ben Harper (18), Lenny Kravitz e special guest Trombone Shorty and Orleans Avenue (19), G3 con Steve Vai, Joe Satriani e Steve Morse (22) e James Morrison preceduto dai Musicanti di Grema (23).

10 Giorni Suonati – Un cast a dir poco stellare per un festival che punta all’eccellenza in ogni sua declinazione. “10 Giorni Suonati”, in effetti, per il terzo anno consecutivo prosegue nel suo intento di coniugare la qualità della musica a quella del contesto circostante, secondo una precisa scelta organizzativa: i concerti si tengono nella corte interna al Castello di Vigevano, una meta fra le più suggestive alle porte di Milano, l’offerta gastronomica dell'”Isola del Gusto” è a base di prodotti genuini, biologici e artigianali a filiera corta, tutto il festival si attua seguendo i criteri di ecosostenibilità del progetto “A.R.I.A.”, secondo il quale la buona musica è “A Ridotto Impatto Ambientale”. E anche in questa terza edizione non mancheranno gli “Incontri con l’Autore” all’ora dell’aperitivo, a cura di Feltrinelli. “10 Giorni Suonati”, prodotto da Barley Arts con la collaborazione della Città di Vigevano, promette di diventare quindi “un’esperienza totale dei sensi”.

D.M.