Titolare di un’azienda di imballaggi muore schiacciato da un carico caduto da un muletto

Muletto forse manovrato dal figlio – Le indagini sono ancora in corso, ma sembrerebbe che alla guida del muletto dal quale sono caduti i due grossi e pesanti imballaggi di matasse di lana che hanno schiacciato Giuseppe Oxilia, di 64 anni, titolare della ditta omonima specializzata in quel tipo di imballaggi, situata a Borghetto di Santo Spirito, in provincia di Savona, ci fosse proprio suo figlio Antonio.

Inutili i soccorsi – Gli operai della ditta, che si trovavano a pochi metri da lui, sono subito accorsi tentando di salvarlo senza però poter fare niente. Sul posto sono poi giunti i sanitari del 118, che hanno tentato inutilmente di rianimarlo, i vigili del fuoco e i carabinieri, ma per l’uomo non c’è stato niente da fare, il peso delle due enormi balle di lana lo ha letteralmente schiacciato non lasciandogli scampo. Ora i carabinieri della compagnia di Albenga stanno cercando di ricostruire la dinamica esatta di quanto accaduto.

Omicidio colposo – La magistratura di Savona ha già aperto un’inchiesta per omicidio colposo, anche se resta ancora da chiarire chi si trovasse alla guida del mezzo al momento dell’incidente mentre la Asl è chiamata a intervenire per verificare che non ci siano state delle mancanze relative alle norme in materia di sicurezza.

Marta Lock