Fondation Scelles: le prostituzione nel mondo

L’indagine – Fondation Scelles ha pubblicato il rapporto mondiale sugli abusi sessuali presentando un quadro completo della prostituzione nel mondo. La fondazione ha denunciato “un vero e proprio mercato dominato dalla violenza, dalla ricerca della vulnerabilità, dal profitto senza limiti”.

La prostituzione nel mondo – Per quanto riguarda i numeri, l’indagine testimonia che sono tra i 40 e i 42 milioni le persone che si prostituiscono nel mondo, l’80% sono donne e ragazze il 75% delle quali ha un età fra i 13 e i 25 anni. La maggio parte delle prostitute è alle dipendenze di uno sfruttatore, circa 2 milioni in Europa, per lo più delle migranti “vittime della tratta di esseri umani”.

Stranieri e sport – Fondation Scelles approfondisce la situazione francese in cui le organizzazioni dedite allo sfruttamento di adulti e minori sono “principalmente di origine straniera” e “le vittime provengono dall’Africa Centrale, dal Nord Africa, dai Balcani, dal Sud America e, sempre più spesso, dalla Cina”. I grandi eventi sportivi sembrerebbero una calamita per le reti della prostituzione. Nel 2010, in occasione delle Olimpiadi Invernali di Vancouver e dei Mondiali di Calcio disputati in Sudafrica e nel 2006 in Germania, la prostituzione è aumentata a dismisura favorendo anche l’apertura di case del sesso. In Sudafrica si stima in occasione dei Mondiali il numero di prostitute sia cresciuto di 40mila unità.

Michela Santini