L’Italia dei furbetti: frode fiscale per 17milioni di euro

Fatture false – La Guardia di Finanza di Saluzzo, in provincia di Cuneo, ha denunciato otto persone per frode fiscale. Secondo le indagini l’ampia organizzazione, che ha visto coinvolte ben 16 società con sedi dislocate su tutto il territorio nazionale, emetteva fatture per operazioni inesistenti, le registrava e favoriva quindi il riciclaggio di denaro. Il fulcro dell’associazione fraudolenta era una coppia di coniugi di Saluzzo, titolari di imprese per il commercio all’ingrosso di materie plastiche.

Trasferivano denaro a San Marino – Sembrerebbe che i due abbiano avuto un ruolo fondamentale nel il trasferimento di ingenti somme di denaro nelle banche della Repubblica di San Marino, per sottrarre le riserve di denaro, accumulate attraverso le false fatture e il mancato versamento dell’imposta Iva, alle tassazioni vigenti in Italia.

Le imprese campane – Alcune imprese campane fornitrici dell’azienda di Saluzzo, operanti per la maggior parte nelle provincie di Napoli e Salerno, non avrebbero mai presentato nessuna dichiarazione di imposta, risultando quindi completamente sconosciute al fisco.  L’indagine proseguirà anche nei confronti di alcune aziende lombarde, già individuate, con le quali gli imprenditori saluzzesi avevano rapporti molto frequenti. Le persone denunciate oggi avrebbero evaso il fisco per un totale di 17milioni di euro, tra imponibili sottratti a tassazione e Iva non versata.

Marta Lock