La rabbia di Fede: Confalonieri ha architettato il mio licenziamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:15

La notizia è arrivata ieri come un fulmine a ciel sereno: Emilio Fede non è più direttore del Tg4. L’annuncio ufficializzato da una nota diramata da Mediaset ha suscitato la reazione del noto mezzobusto, che – alla soglia degli 81 anni – promette battaglie legali e avanza sospetti su Fedele Confalonieri.

Querele ai giornali – “Io ho querelato i due giornali (La Stampa e Il Corriere della Sera, ndr), mi dispiace ma non si sono comportati bene. Non ritengo che siano dei colleghi quelli che non sentono il dovere di dire: guarda, abbiamo questa notizia, riteniamo di essere documentati, vuoi aggiungere qualcosa?”. A dichiararlo ieri è stato l’ormai ex direttore del Tg4,  Emilio Fede. Il giornalista, non ancora raggiunto dalla notizia del suo “licenziamento” da Mediaset, ha ieri destinato le sue “stilettate” ai direttori dei due prestigiosi quotidiani che, com’è noto, hanno denunciato il suo presunto tentativo di portare in Svizzera ingenti somme di denaro.

Il consiglio del Cavaliere – “De Bortoli (direttore del Corriere, ndr) doveva chiamarmi dieci volte – ha detto Fede – innanzitutto perché siamo stati, e non lo siamo più, amici”. “Berlusconi è stato tra i primi a telefonarmi – ha invece sottolineato l’ex direttore – e mi ha detto: si capisce lontano un miglio che è un bluff. Mi ha consigliato di andarci giù duro e io questa a De Bortoli non gliela perdono”. Perché? “Io sono il Tg4 – ha scandito il giornalista – Quella è la mia vita”.

Confalonieri contro – Ma a rendere tutto più complicato è arrivata la nota con cui, nella serata di ieri, il Biscione ha sostanzialmente dato il benservito all’ottuagenario giornalista. “C’è la mano di Confalonieri – ha commentato a caldo Emilio Fede – è lui che l’ha architettato e portato a segno. Non ne so nulla, ora voglio sentire Berlusconi per avere una spiegazione”.

Maria Saporito

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!