Bersani: No alla contrapposizione tecnici-politici

Il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, non ci sta ad offrire il fianco alle speculazioni giornalistiche incardinate sulla presunta disputa tra tecnici e politici. In un discorso pronunciato oggi alla Conferenza nazionale del Pd sulla giustizia, il democratico ha negato l’esistenza di una contrapposizione tra il governo e i partiti, insistendo anzi sulla necessità di trovare un equilibrio.

No al dualismo tecnica-politica – “Il governo Monti non è venuto dopo i partiti, ma è venuto dopo Berlusconi“. A scandirlo bene, nel corso del suo intervento alla Conferenza nazionale del Pd sul tema della giustizia, è stato Pier Luigi Bersani. “Cerchiamo di capirci su questo punto – ha precisato il segretario – il problema, in una discussione stucchevole ma anche pericolosa, non è tra tecnici e politici. Non è questa la contraddizione del paese: la contraddizione è tra emergenza conosciuta e grande questione sociale aperta”.

Alla ricerca di un equilibrio – “Dentro a questa contraddizione – ha continuato nel suo ragionamento Bersani – politica e tecnica devono trovare un equilibrio e portare il paese fuori dalle secche. Perché se raffiguriamo, come avviene spesso sui giornali, il solipsismo della discussione politici-tecnici – ha spiegato – allora chiedo: ma di cosa stiamo discutendo? La gente che ha qualcosa da dire al governo Monti ferma me per strada ed è giusto perché io lo sostengo. Tecnica e politica? – ha ripetuto spazientito il leader del Pd – Ma di cosa stiamo parlando?”.

Maria Saporito