Bindi al governo: Non trattiamo sull’articolo 18

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:26

Ospite della trasmissione Servizio pubblico, la presidente del Pd, Rosy Bindi, ha ieri tentato di chiarire la posizione del suo partito (lacerato da continui distinguo) sul tema caldo della riforma del lavoro. La democratica ha mostrato i muscoli sul punto relativo alla paventata modifica dell’articolo 18, inviando al governo un malcelato ultimatum: “Su questo punto – ha scandito la Bindi – non siamo disposti a retrocedere“.

Il nodo sui licenziamenti – “Noi ci riconosciamo in molte parti del progetto di riforma presentato dal governo, ma non riusciamo a capire come la risoluzione del problema lavoro possa venire dalla modifica dell‘articolo 18“. La presidente del Pd, Rosy Bindi, è partita da questa considerazione per spiegare, nello studio della trasmissione televisiva Servizio pubblico, la posizione del suo partito sul provvedimento messo a punto dal ministro Elsa Fornero, che presto arriverà in Parlamento.

Sulle orme della Germania – “Il Pd ha mandato un messaggio chiaro al governo – ha precisato la Bindi – e non ci siamo limitati a dire che l’articolo 18 non si tocca. Abbiamo avanzato una proposta di modifica, che è stata tra l’altro al tavolo delle parti sociali fino a un’ora prima di arrivare in Cdm. Una proposta che fa riferimento al ‘modello tedesco’: in Germania – ha spiegato la dirigente del Pd – il lavoratore licenziato per motivi economici ricorre a un giudice che stabilisce se c’è un’eventuale discriminazione e se il lavoratore ha diritto al reintegro o all’indennizzo“.

Ultimatum al governo – “Questa è la nostra posizione irrinunciabile – ha rimarcato la democratica – che anche per i licenziamenti per motivi economici ci sia la possibilità del reintegro, ci sia un’autorità terza che decide”. Un concetto ribadito poco più avanti con maggiore enfasi: “Su questo non siamo disposti a retrocedere – ha insistito Rosy Bindi – Se il governo proseguirà nel suo cammino, si assumerà la responsabilità della sua scelta”.

Maria Saporito

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!