Marò: ancora due settimane di carcere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:49

Marò: altre due settimane di carcere. Dovranno rimanere in carcere almeno per altri 14 giorni, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, i due marò arrestati in India ed accusati di aver ucciso due pescatori indiani. Un nuovo rinvio, quello del giudice, che arriva il giorno dopo la durissima presa di posizione di Chandy, il capo ministro del Kerala, il quale ieri ha sostenuto che i due militari italiano “hanno commesso un reato che rientra nella giurisdizione indiana” e, quindi “vanno processati qui”. Affermazioni definite inopportune dal sottosegretario De Mistura, chiamato nel difficilissimo compito di mettere un po’ di ordine nella vicenda dei marò, complicata pure dalle imminenti elezioni.

L’eterna partenza dell’Enrica Lexie. Dopo il via libera di venerdì scorso, sabato il giudice ha bloccato nuovamente la partenza del cargo, trattenuto nel porto di Kochi da metà febbraio scorso. Oggi potrebbe essere la giornata buona, ma sul caso deve esprimersi l’Alta Corte del Kerala, chiamata a valutare la giustezza della cifra prevista per il “rilascio” (circa 430.000 euro). Prevedibile, comunque, un aumento della stessa. I marò in servizio antipirateria sull’Enrica Lexie verranno interrogati anche dalla polizia locale, che cercherà di capire cosa veramente sia accaduto il 15 febbraio. Intanto da almeno venti giorni non si hanno più notizie dei risultati della perizia sui proiettili. Non sono chiari i motivi di un tale ritardo. In ogni caso i primi esami ed addirittura le tecniche di repertazione delle prove sono stati recentemente contestati da un esperto italiano, l’ingegner Di Stefano, secondo il quale il caso poteva essere “chiuso già il 16 febbraio”, il giorno dopo l’uccisione dei due pescatori.

A.S.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!