Terrore su un volo Ryanair decollato da Bergamo

Attimi di vero terrore –  I passeggeri del volo Ryanair Boeing 737-800 partito da Bergamo mercoledì 4 aprile con destinazione Nottingham devono avere pensato di non riuscire a toccare terra da vivi, quando 15 minuti dopo il decollo hanno sentito il pilota che lanciava l’Sos e iniziato a vedere le Alpi, che stavano sorvolando in quel momento, sempre più vicine. L’aereo infatti, era precipitosamente sceso a quota 3.000 metri.

Problemi di pressurizzazione – Secondo il comunicato diramato dalla direzione della compagnia aerea, è stato registrato un problema di pressurizzazione all’interno dell’aeromobile che ha costretto il pilota a scendere velocemente di quota come previsto dalla procedura di sicurezza della compagnia e ad attivare per precauzione le maschere dell’ossigeno. Durante l’inconveniente prontamente fronteggiato ed egregiamente gestito dal pilota, non si sono registrati feriti.

Atterraggio di emergenza – Il volo, che ha mantenuto una quota inferiore ai 10.000 piedi, è stato poi costretto ad atterrare in emergenza a Francoforte. La nota di Ryanair prosegue precisando che i passeggeri sono sbarcati senza difficoltà, assistiti e fatti decollare con un aeromobile sostitutivo con un ritardo di 4 ore rispetto all’orario previsto per l’atterraggio a Nottingham. La compagnia ha inoltre espresso le sentite scuse per la paura e il disagio involontariamente causati ai passeggeri.

Marta Lock