Basket, Nba: cadono Miami, Thunder e Lakers, dominio Spurs

Basket, Nba – Notte di sorprese quella che ci ha appena regalata l’Nba. Cadono diverse grandi e, in vetta alla Western Conference, c’è un sorpasso. Gli Spurs, infatti, si portano in testa alla classifica dell’Ovest, dopo aver battuto 128-103 gli Hornets: San Antonio manda ben 6 giocatori in doppia cifra, di cui 5 dalla panchina ma il top scorer è Duncan (19 punti); New Orleans cede nettamente, nonostante i 31 punti di Gordon e i 15 messi a segno da Belinelli. Il sorpasso Spurs avviene su Oklahoma City, sconfitta 103-98 da Indiana: non basta un Durant monstre (44 punti), supportato da Westbrook (21 punti e 10 rimbalzi) per avere la meglio sui Pacers, che trovano 26 punti da Granger e 21 punti con 12 rimbalzi da Hibbert. Cede anche Miami per 97-82 contro Memphis: Grizzlies con 7 giocatori in doppia cifra, tra cui Gay (17 punti) e Randolph (14 punti e 14 rimbalzi); Heat che trovano 60 punti combinati dai “Big Three”. Houston regola 113-107 i Lakers: Dragic (26 punti e 11 assist) e Scola (25 punti) trascinano i Rockets, mentre tra i gialloviola si esaltano Bryant (28 punti) e Metta World Peace (il fu Ron Artest) che segna 23 punti. I campioni in carica dei Mavs? Sconfitti anche loro per 99-97 da Portland dopo un supplementare: Aldridge (25 punti e 12 rimbalzi) decide la gara allo scadere dell’overtime, con Felton che lo accompagna a dovere (30 punti); Dallas trova la doppia doppia dal solito Nowitzki (23 punti e 14 rimbalzi).  

Le altre partite – Denver supera 105-99 i Suns: franchigia Nuggets guidata da Afflalo (30 punti) e Harrington (23 punti), Phoenix incamera la sconfitta nonostante i 35 punti combinati da Brown e Dudley. Toronto inciampa per 84-80 contro Cleveland: la gran prestazione di Jamison (25 punti) e Hudson (23 punti) è decisiva per i Cavs, mentre tra i canadesi solo DeRozan (28 punti) e Bargnani (19 punti) superano l’asticella della doppia cifra. La sfida tra le derelitte franchigie Nets e Wizards la vincono i primi per 110-98: i 38 punti combinati da Wallace e D-Will (autore di 13 assist) bastano a New Jersey, il top scorer di Washington è Wall con 18 punti. Atlanta supera Detroit 101-96, trascinata dalle doppie doppie di Teague (24 punti e 11 assistenze) e Smith (22 punti e 12 rimbalzi), mentre ai Pistons non bastano i 27 punti “off the bench” di Stuckey. I Bucks si sbarazzano per 95-90 di Charlotte: Ellis ancora una volta è il migliore di Milwaukee con 25 punti; i Bobcats cedono nonostante un Mullens da 31 punti e 14 rimbalzi, ben affiancato da Muyombo (14+14). Utah regola i Warriors 104-98: i 30 punti di Jefferson, conditi da 11 rimbalzi, e i 28 firmati da Harris sono le prestazioni migliori dei Jazz, la doppia doppia di Lee (26 punti e 12 rimbalzi) la cosa migliore della serata Golden State.

Edoardo Cozza