Damon Lindelof conferma che la sceneggiatura di Prometheus apparsa online è un falso

Una falsa sceneggiatura – Aveva sollevato l’attenzione dei tanti fans di Ridley Scott la recensione della sceneggiatura di Prometheus pubblicata sul sito Ain’t It Cool News. Quella che però sembrava essere la seconda bozza dell’atteso film sembra si tratti invece solo di una riuscita fan fiction ispirata alla trama.

La recensione – Nella giornata di venerdì il direttore di Ain’t It Cool News, Harry Knowles, ha scritto una lunga recensione della sceneggiatura di Prometheus. Il giornalista sarebbe entrato in possesso del materiale un paio di mesi fa e fatto alcune ricerche sulla sua autenticità, senza però ottenere conferme o smentite. Venerdì ha quindi deciso di pubblicare le sue osservazioni su quella che sarebbe dovuta essere la seconda bozza realizzata da Damon Lindelof, composta da sole 79 pagine.
I commenti al materiale erano più che positivi e rivelavano alcune anticipazioni sulla trama e sugli elementi legati alla saga di Alien presenti in Prometheus.

La smentita – Damon Lindelof, venuto a conoscenza dell’articolo, ha però smentito l’autore e dichiarato che ha letto un falso script. Lo sceneggiatore, attraverso Twitter, ha spiegato che nel suo lavoro non è mai apparso un pianeta chiamato Zeus, nonostante il giornalista abbia sostenuto che nel testo ricevuto prima della diffusione dei trailer ci siano le descrizioni di alcune sequenze inserite nei video promozionali.
Lindelof ha ribadito che probabilmente si tratta di una fan fiction scritta dopo la diffusione dei nomi dei personaggi e di alcune parti della trama rivelate dai media, pur non sapendosi spiegare come questo testo sia potuto arrivare fino alle mani di Harry Knowles presentato come un originale.
Dopo le dichiarazioni dello sceneggiatore di Prometheus, Ain’t It Cool News ha pubblicato una precisazione in cui spiegano che se Lindelof giura che si tratti al 100% di un falso non resta che fidarsi di lui ed essere felici perché si potrà andare nelle sale a gustarsi il film senza sapere nulla della trama.

Beatrice Pagan