Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica

Grillo al 7,2% spaventa la sinistra

CONDIVIDI

Grillo e l’antipolitica – Il Movimento 5 Stelle acquista sempre più consensi e inizia a spaventare la sinistra in vista delle prossime elezioni. Tutto nasce da un sondaggio Swg sulle intenzioni di voto a livello nazionale che dà il Movimento 5 stelle di Beppe Grillo al 7,2%. Grillo sta in effetti cavalcando l’onda dell’antipolitica volendo offrire agli elettori l’occasione di scegliere un movimento trasparente ed innovativo. Sulla nuova legge elettorale sulla quale stanno cercando di trovare un accordo i tre partiti che sostengono il governo, Pd, Pdl e Udc, Grillo aveva dichiarato: “Berlusconi e Bersani vogliono alzare lo sbarramento, forse all’8%, […] ma devono stare attenti a non rimanere fuori loro”.

Grillo spaventa la sinistra – Sul successo del Movimento 5 Stelle è intervenuto Bersani durante un’intervista a Tgcom24 che si è focalizzato sul sentimento diffuso di antipolitica su cui Grillo fa leva: “Se c’è qualcuno che pensa di stare al riparo dall’antipolitica si sbaglia alla grande. Se non la contrastiamo, spazza via tutti”. Anche più dure le parole di Vendola, presidente di Sel: “Beppe Grillo è un fenomeno di populismo che non ha le caratteristiche per offrire una prospettiva al nostro paese”. E ancora: “Ci sono delle involuzioni nel discorso pubblico di Grillo che colgo con preoccupazione, alcune battute che sembrano in stile leghista, una mescolanza di argomenti di estrema sinistra ed estrema destra e questo me lo rende un fenomeno tutt’ora da decifrare e guardare con attenzione ma è un fenomeno inquietante. Oggi la malattia della cattiva politica si cura con la partecipazione, con la cultura e con la democrazia”.

Irene Fini

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram