Lega un altro abbandono. Boni: Faccio come Bossi passo indietro per il bene del partito

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:54

Boni: Faccio come Bossi – Dopo le numerose dimissioni nei giorni scorsi dal Consiglio regionale lombardo, Renzo Bossi e Monica Rizzi per la Lega e Stefano Maullu del Pdl, oggi anche il presidente del Consiglio regionale leghista Davide Boni, indagato per corruzione, ha annunciatole sue dimissioni nel corso di una conferenza stampa convocata alle 14 presso il Pirellone. “Il triumvirato, sia in precedenza, sia in occasione della riunione con i Consiglieri regionali, durante la quale sono state discusse le dimissioni di Monica Rizzi, non ha mai chiesto le mie dimissioni, rinnovandomi la fiducia” precisa Boni aggiungendo In funzione di quanto ha fatto il mio Segretario federale, Umberto Bossi, che ha fatto un passo indietro per agevolare una serena condizione politica per il movimento, faccio anch’io un passo indietro, precisando che nessuno me l’ha mai chiesto, in totale autonomia, quindi, ed in assenza di qualsivoglia nuovo elemento riguardante le indagini che mi hanno mio malgrado coinvolto. Se fa un passo indietro lui, diviene un imperativo morale per me seguirlo.

Maroni su Boni – Davide Boni secondo gli inquirenti sarebbe coinvolto in un giro di tangenti di oltre un milione di euro, per una decina di “accordi corruttivi” e parte dei soldi ricevuti sarebbe andata anche alla Lega Nord. Roberto Maroni esprime il suo apprezzamento per i gesto di Boni, ribadendo la forte motivazione in Lega verso la pulizia e il rinnovo: “Davide Boni si è dimesso, è un gesto apprezzabile, sottolinea questo nuovo corso che la Lega ha preso. Voglio che in Regione Lombardia si affermi il nostro nuovo principio: largo ai giovani. Ne abbiamo tanti, sceglieremo un giovane che vada a presiedere il consiglio regionale”.

Irene Fini

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!