Monti dal Salone del Mobile: Italia ritroverà crescita, ma niente deroghe al rigore

Un Monti fiducioso“L’Italia ritroverà presto la crescita”, ad affermarlo è il premier Mario Monti che ha deciso di recarsi oggi in visita al Salone del Mobile di FieraMilano a Rho. Monti lontano dal voler parlare di crisi e del possibile scenario Grecia appare ottimista e fiducioso nelle capacità del Paese di rinnovare se stesso e attivare quelle politiche necessarie a mettersi in salvo, politiche che, come sottolinea il premier, “avremmo potuto rinviare, invece una serie di circostanze europee, nazionali, politiche, hanno fatto sì che l’Italia abbia deciso di fare una verifica di se stessa e, innanzitutto il Parlamento, abbia deciso di concentrare in un periodo la rimessa in discussione delle cose che non funzionano nel sistema e dovevano essere migliorate.

Nessuna deroga al rigore – Rigore ancora la parola magica verso la crescita: “Non ci sono margini per una deroga al rigore – specifica il premier Monti – Il rigore è qualcosa che deve pervadere il modo di essere del Paese. Il rigore non è contro la crescita ma la favorirà”. Poi richiama l’aiuto stanziato dal Fondo Monetario Europeo a favore dei Paesi in difficoltà ricordando quanto questo possa restituire fiducia ai mercati: “Questa decisione del Fmi è il risultato di un grande impegno collettivo in particolare dei paesi dell’Unione Europea per mostrare a se stessa, agli Stati Uniti e agli altri partner dell’Fmi di aver messo ordine nella propria casa, con i singoli paesi che hanno messo ordine a cominciare dal nostro, sia l’Europa collettivamente consolidando la disciplina di bilancio ed erigendo barriere di protezione in caso di incendi finanziari” – e conclude – “Mi si chiede se questo sarà sufficiente, io dico che questo è qualcosa di oggettivamente importante, ma la reazione dei mercati non è sempre prevedibile e non è saggio da parte di chi governa fare previsioni”.

Irene Fini