Sequestrati titoli di Stato Usa emessi negli anni Trenta

Valore pari a 1,5 miliardi di dollari – Sarebbe questo il valore nominale totale dei titoli di Stato sequestrati dalla Guardia di Finanza di Roma e di Viterbo nell’ambito di un’operazione durata mesi che indagava su un giro di titoli del debito pubblico degli Stati Uniti d’America emessi negli anni Trenta e ancora in circolazione. Sequestrati anche certificati di deposito per mille tonnellate d’oro per un valore di 3 miliardi di euro.

Titoli falsi – I titoli e i certificati di deposito erano in mano a un uomo di 70 anni, pluripregiudicato e condannato per rapina, reati contro il patrimonio, riciclaggio, estorsione e traffico di stupefacenti, e secondo i militari delle Fiamme Gialle erano usati per garanzie di prestiti e transazioni finanziarie internazionali poco chiare.

Denunciato il 70enne – Ora i militari stanno procedendo agli accertamenti per verificare la natura e la provenienza dei titoli, oltre che la loro autenticità, in collaborazione con funzionari della Banca Centrale Americana e l’Ambasciata degli Stati Uniti a Roma, e verificarne la destinazione. L’uomo, sospettato di essere collegato con organizzazioni criminali, è stato denunciato dalla Guardia di Finanza per introduzione nel territorio italiano di monete e titoli con molta probabilità falsi e si sta procedendo all’accertamento dei suoi legami con la malavita organizzata.

Marta Lock