Robin Gibb fuori dal coma, la moglie: Merito del fratello

Robin Gibb fuori dal coma. Entrato in coma una settimana fa a causa di una polmonite, Robin Gibb, uno dei componenti-fondatori dei leggendari Bee Gees, si è risvegliato, anche grazie alle canzoni del gruppo cantate dal fratello più grande, Barry. Ad attribuire il merito al fratello (anche lui parte della storica band), è stata la moglie di Robin, Dwina. Il cantante è affetto da tempo da un cancro al colon, con metastasi al fegato. L’operazione subita l’anno scorso aveva fatto credere in una sua ripresa, ma la malattia ha messo Gibb nuovamente alle corde e negli ultimi giorni la sua situazione si era aggravata a causa di una subentrata polmonite.

Dopo il peggioramento di Robin, il fratello Barry era corso al suo capezzale, assieme al figlio, Robin John, con il quale ha recentemente composto un’opera classica e ovviamente la moglie. Barry si è messo a cantare a Robin le canzoni dei Bee Gees nel tentativo di farlo uscire dal coma, un’intuizione che a quanto pare è risultata azzeccata ed ha permesso a Robin di riprendere conoscenza. Le gravi condizioni di Robin hano però impedito al cantante di partecipare alla presentazione del suo nuovo lavoro di musica classica, “The Titanic Requiem”, composto assieme al figlio per ricordare il centenario dell’affondamento del Titanic.  I Bee Gees, di cui faceva parte anche Maurice (deceduto nel 2003), nella loro carriere hanno venduto oltre 200 milioni di dischi in tutto il mondo e fanno parte a pieno titolo della storia della musica.

A.S.