Fornero con gli operai dell’Alenia: contrasti e poi applausi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:46

Fornero con gli operai dell’Alenia – Il ministro del Welfare Elsa Fornero ha accolto l’invito di Fiom per spiegare in prima persona ai lavoratori dello stabilimento dell’Alenia la sua riforma del mercato del lavoro. Dopo giorni di intense critiche soprattutto da parte della Cgil e le contestazioni a Torino dove studenti e giovani dei centri sociali avevano lanciato uova sulla macchina del ministro, la Fornero non si scoraggia e forte della sua riforma ha esordito: “È vitale che questo governo non resti chiuso nei palazzi romani e spieghi i suoi provvedimenti. Noi non abbiamo avuto degli elettori. Considero questo un periodo transitorio del mio percorso professionale, non aspettatevi da me un comizio”.

Contrasti e applausi – Ad aspettarla un presidio di Fim, Fismic, Ugl e Quadri, giornalisti e fotografi e molti cartelloni di protesta in cui si legge: “Fornero la riforma non va spiegata, va cambiata”, “Ci faccia la cortesia, prenda ripetizioni sul lavoro”. La mattinata è iniziata con la spiegazione da parte del ministro Fornero dei punti salienti della riforma, qualche contestazione soprattutto quando si è parlato della modifica dell’articolo 18, che per i lavoratori presenti in sala “non serve”. Poi ancora interruzioni sul tema caldo degli esodati ma la Fornero raccoglie alla fine del suo intervento gli applausi della platea. Di seguito la parola passa ai dipendenti che hanno avuto la possibilità di approfondire alcuni punti. L’assemblea ha riconosciuto al ministro Fornero il coraggio e l’onestà per la sua partecipazione, è la prima volta infatti che un ministro in un momento così delicato accetta di entrare in fabbrica.

Irene Fini

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!