Anziano legato al letto e picchiato a morte

L’anziano ingegnere – L’anziano ingegnere in pensione, Antonio Gragnani, 80 anni, residente nel quartiere Marassi di Genova, è stato trovato, la notte tra sabato e domenica, legato al letto della sua abitazione completamente nudo. L’uomo era stato violentemente picchiato fino a provocarne la morte.

Pugni in faccia e denti rotti – Le numerose contusioni su tutto il corpo e sul viso, che gli hanno anche causato la rottura di molti denti, e le probabili lesioni interne che ne sono derivate, hanno provocato il decesso dell’uomo, anche se si attendono gli esiti dell’autopsia per determinare le cause esatte e l’ora della morte. L’allarme è stato dato dai vicini di casa che da due giorni non avevano visto l’uomo entrare o uscire dall’appartamento come era solito fare.

La pista sessuale – Gli inquirenti sembrerebbero orientati all’ipotesi del gioco erotico estremo finito in tragedia. L’appartamento dell’anziano è stato passato al setaccio per tutta la notte con l’intento di trovare tracce o impronte che possano far risalire all’identità del o dei responsabili di un’aggressione tanto violenta ai danni dell’ottantenne. Al momento gli investigatori stanno indagando negli ambienti omosessuali della città poiché sul letto sono state trovate tracce di una recente attività sessuale, anche se non si esclude la pista della rapina violenta considerando che in casa dell’anziano non sono stati trovati né il portafoglio né il cellulare e che sulla serratura della porta sono presenti evidenti segni di scasso.

Marta Lock