Due vittime della montagna in provincia di Belluno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:40

L’escursionista dispersoF.C. di 42 anni della provincia di Treviso, si trovava insieme a un amico su un sentiero della Val del Mus, quando ha messo male un piede ed è finito in un dirupo dopo un salto nel vuoto di 200 metri. L’amico che era con lui non ha potuto fare niente se non tornare indietro per chiamare i soccorsi, poiché nel punto in cui si trovavano non c’era copertura telefonica.

I soccorsi – Nonostante i soccorsi tempestivi per il 42enne non c’è stato niente da fare, troppo gravi le lesioni riportate durante la caduta. Il secondo incidente è stato registrato, a poche ore di distanza, nella Valle di Cadore, dove un uomo di 69 anni alla guida di un’Ape Car è precipitato in una scarpata.

Aveva caricato la legna – L’uomo si trovava sulla strada sterrata che dal rifugio Costapiana sopra il Troi dela Vizza scende verso la Valle di Cadore, e stava tornando a valle dopo aver fatto un carico di legna. Secondo le prime ricostruzioni l’anziano ha improvvisamente perso il controllo del mezzo che è precipitato nel vuoto per 150 metri. Anche in questo caso l’arrivo immediato degli uomini del soccorso alpino non è stato sufficiente a salvare la vita alla vittima del grave incidente.

Marta Lock