Serie A, Cesena-Udinese 0-1: gol partita di Fabbrini, Mutu sbaglia un rigore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:59


Cesena-Udinese 0-1 – Vittoria importante per l’Udinese che rimane al terzo posto a pari merito con il Napoli che però è in vantaggio negli scontri diretti e ha un calendario sulla carta più agevole. I fruliani si impongono per 1-0 in casa di un Cesena già retrocesso e tornano a conquistare i tre punti in trasferta dopo più di due mesi (l’ultimo successo a Bologna a febbraio). Decisiva al 3’ la rete di Fabbrini su assist di Danilo che però è in fuorigioco al momento del cross di Pasquale. Il Cesena sbaglia un rigore al 21’ con Mutu che colpisce la traversa. Alla mezz’ora, sono i friulani a colpire il montante con un siluro di Asamoah che poi sembra rimbalzare dentro la linea di porta.

Gol e traverse – Beretta deve fare a meno ancora una volta di Iaquinta. Guidolin recupera all’ultimo minuto Di Natale che è affiancato da Fabbrini. Proprio l’ex Empoli porta in vantaggio l’Udinese al 3’: cross di Pasquale dalla trequarti per Danilo (in netto fuorigioco) che schiaccia troppo la conclusione e serve un assist involontario a Fabbrini che da pochi passi mette in rete. L’arbitro Damato e gli assistenti convalidano comunque la rete. I friulani vogliono il raddoppio: il più scatenato è Asamoah che al 9’ brucia un avversario sulla sinistra e lascia partire da posizione angolata un diagonale che si spegne sul fondo. Al 21’ grande occasione per il Cesena per pareggiare: Domizzi trattiene Mutu. È calcio di rigore. Se ne incarica lo stesso romeno che calcia forte e colpisce la traversa. Al 33’ è nuovamente Asamoah protagonista con un violento sinistro dalla distanza che sbatte sulla traversa e poi rimbalza probabilmente dentro la linea di porta. Episodio comunque difficile da vedere a velocità normale. Tra l’altro, nemmeno il replay chiarisce del tutto la dinamica.

Tanta noia – Nella ripresa, Beretta gioca la carta Malonga al posto di Mutu. Il Cesena sembra più combattivo nei primi minuti, ma occorre attendere il 26’ per vedere una conclusione verso la porta: è proprio il neo entrato Malonga a girarsi bene in area, ma poi spara malamente a lato. L’Udinese controlla anche perché da Parma arrivano buone notizie con l’Inter sotto 3-1. L’unico brivido nel finale lo regala Von Bergen che per poco non incappa nel secondo autogol consecutivo su un tiro dalla distanza di Floro Flores, entrato al posto di Di Natale. Al Manuzzi, finisce 1-0 per l’Udinese ed è una vittoria ampiamente meritata.

Miro Santoro