Stati Uniti: svelato l’ultimo Osama Bin Laden

Un Osama deluso – Nella lettera scritta nel 2010 ai suoi luogotenenti appare l’ultimo Obama, diverso da quello che conoscevamo. Un uomo preoccupato e deluso, allarmato dagli errori dei “fratelli” di altri Paesi. La missiva è stata ritrovata nel luogo dove il Bin Laden fu ucciso e pubblicata ondine dal Pentagono a un anno dall’evento.

Terrorismo diviso – Dai documenti emerge come il leader terrorista abbia dovuto assistere a divisioni e contrasti all’interno del suo gruppo. Si mostrava deluso e irritato per gli attacchi contro i mussulmani e per la disobbedienza dei gruppi terroristici minori. Tali gruppi affiliati si rifiutavano infatti di essere fedeli alla linea di Bin Laden.

 Campagna elettorale – Questa missiva è uno dei numerosi documenti portati via insieme al corpo di Osama che l’intelligence ha definito il tesoro più grande mai rinvenuto dall’inizio della guerra al terrorismo. Uel che è certo è che la campagna di Obama punta sull’uccisione di Bin Laden come argomento centrale.

Michela Santini