Europa League, Atletico Madrid-Athletic Bilbao 3-0: Falcao (2) e Diego conquistano il trofeo

Atletico Madrid-Athletic Bilbao 3-0 – Aveva addosso gli occhi di mezza Europa, non ha tradito le attese. Radamel Falcao mette a segno una doppietta nella finale di Europa League contro l’Athletic Bilbao e, complice il tris firmato dall’ex juventino Diego, regala il trofeo all’Atletico Madrid. La gara della National Arena di Bucarest viene decisa nel primo tempo: il primo gol arriva subito, al 7′, con uno splendido sinistro a giro del centravanti colombiano. Raddoppio al 34′, sempre col mancino, dopo un dribbling stretto in area. Sigillo a 5′ dalla fine con un’azione personale di Diego. Per l’Atletico, dopo quello nel 2010, è il secondo trionfo negli ultimi tre anni. Chi festeggia per la seconda volta consecutiva è proprio Falcao, che l’anno scorso festeggiò con la maglia del Porto: anche quest’anno decisivo in finale, anche quest’anno capocannoniere del torneo.

Partenza sprint – L’Atletico Madrid parte fortissimo e dopo 7′ è già in vantaggio: palla verticale di Diego, Falcao riceve palla, si gira e con uno splendido sinistro a giro batte Iraizoz. La reazione basca arriva subito, anche in questo caso con il protagonista più atteso: nel giro di 10′ Llorente sfiora il gol due volte, una di testa ed una col destro. Poco dopo è il turno di Muniain, che spara da 20 metri ma trova l’attenta risposta di Courtois. Se l’Athletic è sterile, dall’altra parte i colchoneros sono letali e al 34′ trovano il secondo gol: a segnarlo è ancora Falcao, che sfrutta un cross basso di Arda Turan e insacca ancora col mancino.

Palo di Falcao – L’Athletic rientra in campo con un altro spirito: Muniain è subito pericoloso, Miranda salva in extremis. Dalla parte Diego controlla un pallone difficile e da buona posizione calcia sull’esterno della rete. Poi Gabi ci prova dal limite, Iraizoz blocca a terra. Negli ultimi 20′ il Bilbao spinge forte: Ibaigomez spara un gran destro al volo, la palla si alza di poco. Replay poco dopo con Oscar De Marcos, ancora alto. Susaeta tenta la fortuna da fuori, la palla termina a lato di un soffio dopo una deviazione. Al 79′ ecco l’occasione da non fallire: Susaeta tocca da due passi, Courtois compie il miracolo. E’ un segno del destino: Falcao centra il palo dopo un’azione personale in contropiede e poi, all’85’, arriva il gol che chiude la gara: percussione centrale di Diego, sinistro chirurgico e Iraizoz è battuto. E’ il sigillo ad una serata perfetta: Diego Simeone può esultare.

Pier Francesco Caracciolo