Pd, Renzi vs Bersani: è scontro sulle primarie

Da una parte il segretario “ringalluzzito” dagli ultimi risultati elettorali, dall’altra il “rottamatore” pronto a spegnere gli entusiasmi. La distanza tra Pier Luigi Bersani e Matteo Renzi non accenna a diminuire e assume sempre più i caratteri di un match più psicologico che politico. In un’intervista rilasciata oggi al Corriere della Sera, il sindaco di Firenze è tornato a “pungolare” Bersani, invitandolo ad indire nuove primarie di partito. “In questo momento ho in testa altre questioni, ha risposto a muso duro il segretario del Pd, tradendo tutta la sua insofferenza per l’ultima esternazione del “rottamatore”.

La versione di Renzi – “Se i dirigenti del Pd pensano di aver vinto queste elezioni vuol dire che vivono nell’iperuranio”. A dichiararlo al Corriere della Sera non è stato Ignazio La Russa né Daniela Santanchè, ma il sindaco di Firenze, Matteo Renzi“Sono molto felice che il Pd prenda qualche sindaco in più del passato – ha continuato nel suo ragionamento il “rottamatore” – però è anche vero che lascia sul terreno 91 mila voti. È una cifra bestiale. Persino dove abbiamo vinto – ha notato il democratico – abbiamo perso molti consensi“.

Nuove primarie di partito – Una fotografia impietosa, che non mancherà di insolentire il leader del partito, al quale Renzi ha inoltrato una precisa richiesta. “Chiedo formalmente al segretario del mio partito – ha detto – di convocare le primarie del Pd. Non vorrei che Bersani pensasse di fondare la propria legittimazione sulle primarie del 2009. Se si vota a marzo del 2013 si facciano le primarie a ottobre o a novembre, senza inventarsi alibi”. “Bersani deve avere il coraggio di indire le primarie – ha insistito il primo cittadino di Firenze – Mettendosi in gioco lui, se lo ritiene, ma è ovvio che parteciperanno anche altri“.

Il segretario stizzito – La reazione di Bersani? Non ha tardato ad arrivare: ”Non ho la testa su queste cose – ha tagliato corto – in questo momento ho in mente altre questioni e i problemi del paese. Sono l’unico segretario di partito al mondo eletto con le primarie, quindi problemi zero ma ho in mente altre questioni in questo momento. Il Pd ha inventato le primarie – ha ricordato il democratico – e siamo sempre per questo meccanismo, ma dobbiamo anche parlarne con chi verrà con noi”.

Maria Saporito