Roma: Luis Enrique annuncia l’addio. Baldini: “Il progetto comunque non è fallito”

Roma, Luis Enrique annuncia l’addio. Alla fine il buon povero Lucho non ce l’ha fatta. Non è riuscito a cambiare il modo di fare calcio in Italia, e non è riuscito ad entrare nei cuori dei tifosi giallorossi, con cui ha avuto rapporto difficile sin dall’inizio. Così ieri ha concluso il suo ultimo allenamento a Trigoria, ed ha dato addio alla Roma ed ai suoi giocatori. Un addio che è stato molto sentito da Luis Enrique, che ha difeso ancora una volta i suoi ragazzi, dicendo loro che le colpe di questo fallimento sono solo sue. Un addio che si completerà domenica pomeriggio a Cesena, e fatto davanti a Sabatini e Baldini, i due dirigenti che lo hanno sempre difeso.

Montella è pronto a sostituirlo – Al posto di Luis Enrique arriverà forse Vincenzo Montella, a cui verrà data quella chance che meritava già l’hanno scorso, e che lui stesso ha confermato di esserne degno in questa stagione da record passata a Catania. Adesso però a Roma inizieranno i soliti processi, che saranno guidati dai tifosi e dai numerosi cronisti giallorossi, e da quella proprietà Made in Usa, che ha già investito tanto, e che ha ottenuto dei risultati peggiori rispetto ai cugini biancocelesti presieduti da Lotito. Processi in cui verrà inserito anche Baldini, che ha voluto a tutti i costi Luis Enrique a Roma, e che ha commentato con queste parole l’addio dell’ormai ex-allenatore giallorosso: “Il progetto non è fallito; noi vogliamo continuare a fare un certo tipo di calcio”.

Simone Lo Iacono