Pagelle Juventus-Atalanta: Del Piero, un saluto lungo 19 anni

Pagelle Juventus-Atalanta – La Juventus finisce come aveva cominciato: con una vittoria, la 23^ di questo campionato. Nel giorno dell’addio ad Alex Del Piero, i bianconeri si impongono 3-1 sull’Atalanta: vantaggio al 10′ con Marrone, raddoppio al 28′ proprio con il capitano, momentaneo 2-1 con un autogol di Lichtsteiner e definitivo sigillo con Barzagli dal dischetto. “Io ed i giocatori stiamo vivendo delle emozioni grandissime – le parole di Antonio Conte a fine gara –. E’ stato un campionato fantastico, chiudiamo da imbattuti, è uno scudetto che resterà nella storia. Ho detto ai ragazzi che al massimo in futuro potranno eguagliarci ma mai superarci: il nostro campionato è stato bello e stupefacente“. Se il tecnico può godersi a pieno il tricolore, qualcun altro lo fa con il magone: “Sotto certi aspetti è un giorno incredibilmente bello, ma c’è anche un po’ di tristezza: in fondo è giusto così – il saluto di capitan Del Piero –. Ho festeggiato con i tifosi e con i compagni facendo la cosa che mi piace di più, ovvero vincere. Sono fiero e orgoglioso di averlo fatto davanti alla mia famiglia, a chi mi ha supportato in questi 37 anni di vita

JuventusDel Piero 10: il voto, ovviamente, non è riferito alla partita, anche perché dopo meno di un minuto Cazzola lo ammacca e tutta la sua prova ne risulta condizionata. Il voto è per le emozioni – con tanto di gol – che riesce a regalare anche nell’ultima apparizione davanti ai suoi tifosi. Per un campione che, dopo 19 anni in bianconero, si mette a disposizione come l’ultimo dei gregari, accettando per una stagione intera un ruolo da comprimario. Per un giocatore capace di realizzare, nei pochi ritagli concessi dal suo allenatore, tre gol in campionato e due in Coppa Italia (aspettando la finale). Per un capitano che saluta sollevando al cielo il trofeo dello scudetto. Il popolo bianconero, con le lacrime agli occhi, non finirà mai di ringraziarlo. Storari 6,5, Chiellini 6,5, Barzagli 6,5, Padoin 6,5, Marrone 6,5, Borriello 6,5, Lichtsteiner 6, Estigarribia 6, Quagliarella 6, Pirlo 6, Giaccherini 6, Pepe 6, Bonucci 6: qualche affanno di troppo, come spesso gli capita nella difesa a quattro. Ma nel giorno della festa una sufficienza non si nega a nessuno (All. Conte 7).

AtalantaBonaventura 6,5: parte da sinistra con licenza di accentrarsi, e quando decide di farlo sa essere molto pericoloso. Del resto, tutto il suo finale di stagione è stato di ottimo livello. Nel primo tempo va vicino al gol con una gran botta da fuori, ma è nella ripresa che si mangia le mani: destro volante da posizione defilata, leggera deviazione di Storari e palla che centra il palo. Bellini 6,5, Cazzola 6,5, Frezzolini 6, Lucchini 6, Manfredini 6, Peluso 6, Minotti 6, Carmona 6, Gabbiadini 6, Schelotto 5,5, Denis 5,5, Cigarini s.v., Moralez 5: Teoricamente dovrebbe piazzarsi tra le linee e creare scompiglio nella difesa della Juve. Teoricamente, appunto, perché di fatto non si vede mai: zero spunti, zero giocate degne di nota. Per una volta, non pervenuto (All. Colantuono 6).

Pier Francesco Caracciolo