Scandalo Lega, Maroni: Non credo alla tesi del complotto

Intervenuto ieri a un comizio a Senago (provincia di Milano), il triumviro padano, Roberto Maroni, ha dovuto fare i conti con la notizia che ha terremotato la politica nazionale: l’avviso di garanzia recapitato a Umberto Bossi con l’accusa di truffa ai danni dello Stato. “Non ho mai pensato a complotti“, ha spiegato l’ex ministro dell’Interno che ha però tentato di ridimensionare la portata dello scandalo che ha investito l’ex leader della Lega: “Credo che nel suo caso – ha detto riferendosi a Bossi – si tratti di una responsabilità che deriva da un atto formale“.

Fiducia nella magistratura – “Non ho mai pensato a complotti, non l’ho mai detto”. Sono parole inequivocabili quelle scandite ieri sera da Roberto Maroni a margine di un comizio in  provincia di Milano. L’ex titolare del Viminale non ha voluto aggiungere la sua voce a quelle dei tanti che hanno parlato di giustizia ad orologeria” contro il suo partito e ha tentato di affrontare con razionalità (e apparente serenità) il nuovo “macigno” precipitato su via Bellerio: “E’ chiaro che questa cosa non ci aiuta – ha detto riferendosi agli avvisi di garanzia recapitati ieri a Umberto Bossi, ai figli Renzo e Riccardo, e all’ex senatore Stiffoni ci dà molto fastidio, ma non voglio pensare ad un complotto. Ho fiducia nella Procura di Milano e nel procuratore che conosco e stimo”.

Responsabilità ridotta – “Ho sentito Umberto Bossiha poi detto Maroni ai giornalisti – era molto giù, ma credo che reagirà nel solito modo e cioè riprendendo a fare ciò che ha sempre fatto”. “Confidiamo nell’azione della magistratura – ha affermato il triumviro del Carroccio – purché si svolga in tempi rapidi e accerti le responsabilità. Però nel suo caso (di Umberto Bossi, ndr), non parlo degli altri, mi pare di poter dire che è una responsabilità che deriva da un atto formale, da una firma messa sotto ad un documento”.

Fare in fretta – “Chiedo solo di fare in fretta per accertare eventuali responsabilità – ha insistito Roberto Maroni rivolgendo un vero e proprio appello agli inquirenti – perché si tratta di un intervento molto duro e pesante nei confronti di un partito e di tanti militanti che aspettano di sapere, di capire se qualcuno ha violato la legge oltre che il codice etico della Lega”. 

Maria Saporito

Articolo precedenteBelen vuole condurre Sanremo
Articolo successivoBerlusconi ai suoi: Con Monti fino al 2013
Siciliana di origine, romana d'azione, scrivo da anni occupandomi principalmente di politica e cronaca. Ho svolto attività di ufficio stampa per alcune compagnie teatrali e mi muovo con curiosità nel mondo della comunicazione. Insegnante precaria, sto frequentando un corso per insegnare italiano agli stranieri.