Ordigno esplosivo in una scuola a Brindisi, una studentessa morta e sette feriti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:46

Stavano per entrare a scuola – Intorno alle 7 e 45 di questa mattina molti studenti si trovavano davanti ai cancelli dell’Istituto professionale “Francesca Laura Morvillo Falcone” di Brindisi, quando si è verificata una fortissima esplosione da un cassonetto piazzato nelle vicinanze. Nella deflagrazione ha perso la vita una studentessa.

Sette i feriti – Gli altri sette ragazzi rimasti feriti sono stati immediatamente trasportati all’ospedale Perrino di Brindisi, una di loro è stata sottoposta a intervento chirurgico. Secondo i primi sommari accertamenti degli uomini della Digos quel cassonetto per la raccolta differenziata si trovava in una posizione diversa rispetto a quella che occupa abitualmente, quindi con ogni probabilità è stato volutamente spostato vicino all’obiettivo che gli attentatori volevano colpire. L’Istituto tecnico si trova vicino al Tribunale, probabile obiettivo secondario dell’attentato. La zona è stata transennata e presidiata da Digos e carabinieri che stanno effettuando i rilievi.

La Carovana antimafiaL’esplosione è stata potentissima, al punto da far supporre agli inquirenti che gli ordini piazzati fossero addirittura due, e ha causato la rottura dei vetri di alcune abitazioni circostanti. I ragazzi feriti vengono tutti da Mesagne, la cittadina sede di un attentato al presidente dell’associazione antiracket Fabio Marini, al quale era stata fatta esplodere l’auto, avvenuto qualche settimana fa. Oggi era attesa a Brindisi la carovana antimafia.

Marta Lock