Le forze armate Nato lasciano l’ Afghanistan

Abbandono dell’Afghanistan – Il summit di due giorni a Chicago, che ha visto la partecipazione di 50 leader internazionali, si è concluso con un accordo sulla questione Afghanistan. La Nato e gli Stati Uniti concordano sulla riduzione delle forze armate e dello stanziamento di 4,1 miliardi annui per la sicurezza. Tuttavia, affermano gli alleati, l’Afghanistan “non resterà solo”.

Ritorno alle forze afgane – Gradualmente i soldati della Nato andranno sostituite dalle forze afgane e, a poco a poco, i fondi per gli aiuti al Paese andranno diminuendo. Mentre le truppe occidentali già stanno modificando gradualmente la loro funzione da quella combattiva a quella di supporto, nella metà del 2013 verrà conclusa la transazione che vedrà le truppe afgane riprendere il controllo del loro territorio.

La bozza – ”L’irreversibile transizione della piena responsabilita’ della sicurezza dalla International Security Assistance Force (ISAF) alla Afghan National Security Forces (ANSF) e’ sulla via del completamento alla fine del 2014”, si legge nella dichiarazione. ”dalla meta’ del 2013, quando la quinta e conclusiva tranche delle province iniziera’ la transizione, avremo raggiunto un importante traguardo fissato dalla roadmap di Lisbona, e l’ANSF avra’ l’incarico della sicurezza in tutto il paese”.

Michela Santini