Fornero: Sì ai licenziamenti nella pubblica amministrazione

Fornero: Pubblico come privato – Il Ministro del Welfare, Fornero, apre alla possibilità di licenziare anche nel pubblico impiego: “Mi auguro che qualcosa di simile a quello che abbiamo fatto per i dipendenti privati sulla possibilità di licenziare sia inserito nella delega per i dipendenti pubblici“.
Quello dei dipendenti pubblici non è un mercato, perché le regole sono diverse, ma auspico che qualcosa di simile a quello che abbiamo fatto per i dipendenti privati relativamente alla possibilità di licenziare sia inserito nella delega al ddl anche per i dipendenti pubblici”.
Il Ministro si rivolge poi a Patroni Griffi, Ministro della funziona pubblica: “Patroni Griffi ha questa delega, siamo in contatto, stiamo lavorando insieme non vogliamo ci siano difformità di trattamento con il privato, non è possibile che diciamo certe cose sul settore privato e poi non le applichiamo al pubblico“.
Griffi d’altro canto fa notare che “il tema dei licenziamenti degli statali è già previsto nel testo predisposto per la legge delega. A questo punto ritengo sia opportuno approfondire alcuni aspetti tecnici in Consiglio dei ministri“.

La reazione dei sindacati – Le parole del Ministro Fornero scatenano l’immediata reazione dei sindacati: “Non si capisce proprio questo furore ideologico del ministro del Lavoro sul tema della licenziabilità dei pubblici dipendenti. Le norme contrattuali che regolano i licenziamenti nel settore pubblico sono molto rigide e dettagliate e non abbiamo bisogno di interpretazioni ‘personali’ per quanto autorevoli. Abbiamo fatto qualche giorno fa un accordo con il ministro Patroni Griffi per armonizzare la disciplina pubblica con la nuova riforma del mercato del lavoro. Non serve a nessuno alzare questi polveroni mediatici“, è il commento di Bonanni.

Matteo Oliviero