Calcioscommesse: indagati anche Bonucci e Vieri


Calcioscommesse – Tra gli indagati dello scandalo calcioscommesse, spunta il nome di un altro azzurro: Leonardo Bonucci. Secondo le indiscrezioni filtrate nelle ultime ore, la Procura di Cremona ha iscritto il difensore della Juventus nel registro degli indagati, ma gli atti verranno girati quanto prima alla procura di Bari, titolare del fascicolo d’indagine che riguarda la squadra pugliese, in cui militava Bonucci all’epoca dei fatti. Sotto i riflettori degli inquirenti, ci sarebbe Udinese-Bari 3-3 del campionato 2009/2010. A tirare in ballo Bonucci, il suo ex compagno di squadra Andrea Masiello.

Bonucci in Nazionale – Bonucci resta comunque tra i 25 azzurri convocati per l’amichevole di domani tra Italia e Lussemburgo. Prandelli, dopo aver mandato a casa Criscito (“Non è sereno”, ha ammesso il ct), lascia tra i convocati il difensore della Juventus. Nessun doppiopesismo però, la motivazione è da ricercare nel fatto che Bonucci non risulta ancora ufficialmente indagato. «Al momento, non ha ricevuto comunicazioni. Se sta bene, domani sarà nella lista dei 23 per l’Europeo», ha dichiarato Prandelli in conferenza stampa che ha aggiunto: «Ho parlato con Bonucci. Lui è già stato sentito a Bari, è tranquillo. E lo siamo anche noi».

Vieri indagato – Tra gli indagati anche Bobo Vieri, il cui nome era saltato fuori nella prima fase dell’inchiesta nel corso di una telefonata tra Antonio Bellavista, ex calciatore del Bari arrestato già un anno fa nella prima tranche di inchieste sul calcioscommesse e Ivan Tisci, altro ex calciatore già coinvolto nello scandalo la scorsa estate. Secondo la ricostruzione del gip Guido Salvini, Tisci si interessa a Inter-Lecce del 20 marzo 2011. Il giorno dopo, Tisci chiama Bellavista e gli riferisce “di essersi recato a Milano e di aver appreso dai giocatori, ai quali si era unito Bobo Vieri, che la squadra dell’Inter aveva fatto dei danni in quanto tutti avevano scommesso sull’over per la notizia che si era sparsa in giro”. La partita finì infatti 1-0 per i nerazzurri: rete decisiva di Pazzini.

Miro Santoro