Napolitano, sulla strage di Brescia: Copertura di apparati dello Stato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:37

Copertura di apparati dello Stato – In occasione del 38esimo anniversario della strage di piazza della Loggia, il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha scritto al sindaco di Brescia ammettendo le colpe di una parte dello Stato che ha ostacolato la ricerca della verità: “Il corso della giustizia deve, pur nei limiti in cui è rimasto possibile, continuare con ogni scrupolo e che, nel contempo va però fin da ora messo in luce quanto è emerso, dalle carte processuali e dalle inchieste parlamentari, sulla matrice di estrema destra neofascista di quell’azione criminale e sugli ostacoli che una parte degli apparati dello Stato frappose alla ricerca della verità.

Scontri tra studenti e forze dell’ordine – Alla commemorazione delle vittime a Brescia erano presenti il leader della Cgil Susanna Camusso e il ministro dell’Interno Cancellieri. La prima ha ricordato il rischio per l’Italia di precipitare nuovamente in anni in cui a dominare sono stati la tensione e il terrorismo: “clima pesante nel Paese”. Il ministro si è unito al messaggio del presidente della Repubblica sollecitando l’impegno nella ricerca della verità. La manifestazione ha avuto qualche momento di tensione quando un gruppo di giovani aderenti ai collettivi studenteschi ha tentato di raggiungere la piazza da un percorso diverso e si è scontrato con le forze dell’ordine.

Irene Fini