Terremoto in Emilia Romagna: in arrivo aiuti anche dall’Ue

Due centesimi sulle accise – E’ stato deliberato oggi dal Consiglio dei ministri, l’aumento sulle accise della benzina per finanziare l’emergenza in Emilia Romagna, pari a 2 centesimi al litro. Verrano stanziati anche i fondi risparmiati attraverso la spending rewiew. In arrivo anche aiuti dall’Unione europea, che, attraverso le dichiarazioni di Barroso, presidente della Commissione, si è dichiarata pronta a dare un supporto concreto e immediato all’Italia per far fronte alla gravissima emergenza.

Deroga al patto di stabilità – Il Governo ha inoltre concesso, ai comuni colpiti dal sisma, una deroga al patto di stabilità, per dar modo ai sindaci di stanziare i fondi necessari per la ricostruzione, e il rinvio a settembre dei versamenti fiscali e contributivi. Proroghe anche ai pagamenti delle rate dei mutui, sospensione dei termini per i versamenti tributari e previdenziali oltre che di tutti i provvedimenti di sfratto.

Contributi a fondo perduto – Inoltre verranno concessi dei contributi a fondo perduto per la ricostruzione e riparazione delle abitazioni danneggiate, di tutti i servizi pubblici con particolare precedenza agli ospedali e alle scuole, indennizzi alle imprese danneggiate per milioni di euro, con conseguente rischio per i posti di lavoro di migliaia di persone, e per gli interventi sul patrimonio artistico e culturale, laddove sia possibile farlo. Infatti interi edifici storici di notevole rilievo sono stati completamente rasi al suolo, provocando danni inestimabili.

Marta Lock