E adesso Bersani potrebbe arruolare Saviano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:32

Rumors, indiscrezioni, voci di corridoio: chiamatele come vi pare, ma stando alle cronache di alcuni quotidiani nazionali, all’interno del Pd starebbe succedendo qualcosa di grosso. Il terremoto che ha ferito il Nord Italia ha, come è noto, spinto i dirigenti democratici a rimandare la Direzionale nazionale, incrementando aspettative e curiosità. Tra le ipotesi più gettonate (e suggestive), c’è chi riferisce di una decisione clamorosa maturata dal segretario Bersani, che starebbe pensando di ufficializzare la sua candidatura a premier puntando sul sostegno di un supporter d’eccezione come Roberto Saviano.

Il disegno del segretario – Mettiamola così: la concorrenza esterna sembra essere sbaragliata (il Pdl è in crisi nera e a caduta libera nei sondaggi), ma quella interna potrebbe causare più di un problema. Nel partito di Pier Luigi Bersani gli ingranaggi pre-elettorali sembrano essersi già azionati portando con sé nervosismi e tensioni. Il segretario starebbe pensando di rilanciare il partito non con un restyling più mediatico che politico. Quale? Con il sindaco di Firenze, Matteo Renzi, alle calcagna sul capitolo delle primarie, Bersani avrebbe pensato di spegnere ogni contestazione interna ufficilizzando la sua candidatura a premier per le prossime elezioni politiche.

Saviano per vincere? – Una mossa tanto azzardata quanto avventurosa, che potrebbe investire rovinosamente il segretario. Il sentore, infatti, è che di fronte a una proposta del genere non solo il già citato “rottamatore” Renzi, ma anche i malpancisti come Arturo Parisi o gli altri giovani “riformatori” come Peppe Civati e Debora Serracchiani possano mettersi di traverso. Un’eventualità che Bersani avrebbe già calcolato e alla quale avrebbe pensato di rispondere calando l’asso. Per neutralizzare gli attriti intestini e competere con il Movimento di Beppe Grillo – sarebbe stato il ragionamento del democratico – è necessario far ricorso a forze esterne. Da qui l’idea di coinvolgere una lista civica capeggiata da un “guru” popolare come Roberto Saviano. Potrebbe essere questa la “stampella” a cui Bersani potrebbe appoggiarsi per raggiungere finalmente Palazzo Chigi.

Maria Saporito