Playoff Serie B, Samp e Varese si aggiudicano l’andata

Playoff Serie B – Sono i playoff delle sorprese quelli che fanno da coda al campionato di Serie B: a vincere sono la quinta e la sesta classificata a discapito della terza e della quarta. Sampdoria e Varese, squadre che nell’ultima giornata di campionato si sono divise, senza alcuna competitività, il quinto posto, si ritrovano a essere le due favorite per la finale, le outsiders per la corsa finale. Sassuolo e Verona, invece, devono arrendersi al mal di trasferta, causato da due compagini che giocano bene e che schiacciano l’avversario.

Al Ferraris di rimonta – Parte bene il Sassuolo a Genova con subito due occasioni: poi alla mezz’ora Da Costa stende in area Boayke dopo un’uscita a vuoto. Dal dischetto, dopo l’ammonizione dell’estremo difensore brasiliano, che sostituisce Romero in ritiro con la nazionale argentina, si presenta Sansone: palla alla destra di Da Costa e il brasiliano respinge in angolo. È il terzo errore consecutivo dal dischetto per l’attaccante verdenero, ma la squadra non demorde: dopo due minuti e due angoli consecutivi un errore di Pozzi,che anticipa malamente il proprio portiere, permette al Sassuolo di portarsi in vantaggio. La Sampdoria non ci sta e dà il via all’assedio: al 46′, in pieno recupero, su un cross di Costa, schierato come terzino sinistro, esce a vuoto il portiere del Sassuolo ed Eder di petto butta in rete. Il secondo tempo è all’insegna della Sampdoria e il raddoppio arriva al 55′: ottimo cross di Eder dalla destra e Pozzi si riscatta con un’ottima incornata verso la porta. Il Sassuolo si fa schiacciare e Juan Antonio, entrato al posto di Foggia, manca due volte il 3 a 1 a tu per tu con il portiere: la gara finisce sul 2 a 1 e permette alla Sampdoria di andare a Modena con due risultati utili in tasca.

Varese mortifero – Parte forte invece il Varese che subito attesta la supremazia di campo sul Verona: dopo 5 minuti una punizione a giro di Kurtic si rivela mortifera per Rafael, tornato in campo dopo il periodo di stop. Il colpo a freddo per l’Hellas è pesante, tant’è che la squadra di Mandorlini non reagisce: nel secondo tempo, dopo la girandola dei cambi avviata dai veronesi e conclusa dai lombardi, al 78′ arriva anche il raddoppio con Terlizzi, già a segno su rigore contro la Sampdoria. Il difensore, che raccoglie l’assist di Nadarevic, chiude la pratica e permette, così come per i blucerchiati, di godere di due risultati utili per il ritorno.

Mario Petillo