Fisco: entrate inferiori alle previsioni

Mancati incassi – Secondo le previsioni del Governo, le entrate fiscali avrebbero dovuto essere molto più consistenti: la stima è che siano entrati 3,4 miliardi in meno rispetto a quanto preventivato. La diminuzione più sensibile sarebbe dovuta alle minori entrate dell’Iva dovute alla crisi economica in corso.

Lotta all’evasione – Gli importi recuperati grazie alla lotta all’evasione fiscale sarebbero pari a 74 milioni di euro in più rispetto allo scorso anno, facendo registrare un incremento del  3,7%. Il presidente del Consiglio Mario Monti, ha sottolineato, nel corso di un’intervista rilasciata a Famiglia Cristiana, che la lotta agli evasori diventerà sempre più dura, e che le tanto criticate iniziative come l’abbassamento della soglia dell’utilizzabilità del contante o la trasparenza totale dei conti bancari, hanno dato i loro frutti.

Troppe tasse – Il rapporto 2012 redatto dalla Corte dei Conti ha però evidenziato un eccessivo carico degli oneri dovuti dalle imprese che inducono chi produce di più a evadere anche di più, infatti il maggior numero di evasori si registra nel Nord Ovest e nel Nord Est del nostro paese, che equivalgono in assoluto alle zone più produttive e con reddito più alto. Si stima che il tasso di evasione sia pari al 29% riguardo l’Iva e del 19,4% per l’Irap, generando mancate entrate che si aggirano intorno ai 46 miliardi l’anno.

Marta Lock