Autocisterna si ribalta e prende fuoco a Napoli, carbonizzato il conducente

La statale 162 – L’incidente è avvenuto questa mattina sulla statale che collega Napoli con i paesi alle pendici del Vesuvio. L’autocisterna trasportava del gasolio: improvvisamente il conducente ha perso il controllo del mezzo che ha urtato il guard rail, ribaltandosi. Dal mezzo è uscita una grande quantità della sostanza infiammabile che è finita in un’area sotto al viadotto nella quale erano stati abbandonati cumuli di rifiuti.

L’esplosione – Poco dopo essersi ribaltato il mezzo è esploso provocando un enorme incendio che ha bruciato anche i rifiuti della discarica abusiva. L’autista del mezzo, un uomo residente in provincia di Napoli del quale non sono ancora state rese note le generalità, è morto carbonizzato.

L’intervento dei vigili del fuoco – L’intervento per spegnere il grosso incendio è ancora in corso e ha richiesto l’intervento di ben cinque squadre di vigili del fuoco, supportate dagli agenti della polizia e dei vigili urbani che hanno dovuto chiudere la strada sia per non ostacolare le operazioni di spegnimento delle fiamme, sia a causa della grande quantità di gasolio che si era riversata sulla carreggiata. Il traffico è tuttora fermo nel tratto che va dalla Tangenziale al Centro direzionale. Ancora ignote e oggetto di indagine le cause dell’uscita di strada del mezzo, anche se, dai primi rilevamenti, i segni dell’urto contro il guard rail sarebbero distanti dal punto in cui il mezzo è esploso.

Marta Lock