Anticipazioni “Mistero” nell’ottavo appuntamento di giovedì 14 giugno

 

 

 

Anticipazioni “Mistero” Questa sera, giovedì 14 giugno 2012, su Italia 1, tornaMistero condotto da Paola Barale, con l’8° e penultima puntata di Mistero,  in cui Daniele Bossari, Paola Barale, Jane Alexander, Nicole Pelizzari, Andrea Pinketts e Marco Berry tenteranno sempre di trovare una soluzione a cose che sembra non ce l’abbiano. L’antica Casa di Nazareth, la Spada nella roccia, il morbo di Morgellons: la troupe degli indagatori dell’occulto ci racconteranno la storia di questi tre argomenti, cercando, di fare chiarezza su questioni rimaste irrisolte.

La Casa di Gesù e la Spada nella roccia- Iniziando dalla storia della Casa di Gesù dove visse, secondo quanto è stato scritto in vecchi documenti, con Maria e Giuseppe…fin qua nulla di strano. La ‘stranezza’ sta nel fatto che l’abitazione  di Nazareth della Sacra Famiglia s’è materializzata, nel lontano 1294,  miracolosamente a Loreto. Invece, prima ancora, venne appoggiata su una nuvola e trasportata dagli angeli a Tersatto. Ora, i resti della casa misteriosa si trovano a Loreto, e nessuno sa chi o cosa l’abbia posizionata proprio in quel comune della provincia di Ancona. Poi si parlerà anche della celeberrima ‘Spada nella roccia’. Da tempo s’è creduto che essa appartenesse solamente alla leggenda, ma così non è:  pare che quest’arma sia esistita realmente. Lo conferma Edwart Oakeshott, un grande studioso di spade medievali, che la fa risalire precisamente al XII secolo. Adesso la spada, si trova conficcata in una roccia al centro della Rotonda di Montesiepi, in Toscana. Se l’analisi di Oakeshott verrà confermata da altri esperti del settore sicuramente si dovrà scrivere, nella storia autentica dell’umanità, un nuovo e piccolo paragrafo dedicato a Re Artù.

Morbo di Morgellons: malattia ‘aliena’- Già nella scorsa puntata, ‘Mistero’ s’era occupato di  quella strana malattia che sta colpendo sempre più persone nel mondo: si tratta del morbo di Morgellons, che si manifesta con dei  filamenti biancastri al di sotto e al di sopra della  pelle e con ferite importanti. Per molti, questo è dovuto a un’infezione provocata volutamente dagli alieni; invece per altri, si sarebbe scatenata in individui infettati dalle sostanze nocive prodotte dalle scie chimiche rilasciate da alcuni particolari aerei; altri ancora, ed è la tesi più accreditata, credono che questa malattia sia nata a causa del contagio della pelle con acqua infetta.

Maria Luisa L. Fortuna