Euro 2012, Italia-Croazia 1-1: Pirlo illude, Mandzukic beffa gli azzurri

Euro 2012, Italia-Croazia 1-1 – Stavolta l’1-1 ha un sapore amaro. Dopo il promettente pareggio della partita d’esordio contro la Spagna, l’Italia non va oltre l’1-1 nel match contro la Croazia e vede complicarsi maledettamente la corsa verso i quarti di finale. Gli azzurri, autori di un primo tempo vivace, passano meritatamente in vantaggio a 6′ dall’intervallo con Andrea Pirlo, che beffa Pletikosa con una splendido calcio di punizione. Nella ripresa, però, la squadra di Prandelli cala vistosamente, soffre troppo e alla fine viene punita da Mandzukic, che sfrutta un errore di marcatura di Chiellini e infila Buffon con l’aiuto del palo. In attesa di vedere come andrà a finire il match di questa sera tra Spagna e Irlanda, l’Italia deve iniziare a concentrarsi sull’ultimo appuntamento, quello di lunedì: contro Trapattoni sarà necessario centrare il primo successo, ma a questo punto potrebbe anche non bastare.

Magia di Pirlo – Confermate le previsioni della vigilia: Prandelli riparte da Cassano e Balotelli, Bilic conferma gli undici anti-Irlanda. La squadra azzurra parte col piede giusto: Balotelli sfiora il palo in girata, poi Marchisio spara dal limite mandando alto di una spanna. Ancora Balotelli al 16′: destro potente dal limite, Pletikosa ci mette i pugni. Dopo un avvio più che promettente, l’Italia si disunisce e la Croazia prova ad approfittarne: su azione d’angolo, Perisic di testa impegna Buffon. Quello croato è solo un fuoco di paglia e lentamente i ragazzi di Prandelli riprendono il pallino del gioco grazie a Cassano, che prima sfiora il gol in diagonale e poi serve Marchisio: Pletikosa deve compiere un doppio miracolo per salvare sul centrocampista della Juve. Ma il gol è nell’aria e arriva al 39′: gioiello su punizione di Pirlo che da posizione angolata sorprende Pletikosa sul primo palo. Nel finale c’è ancora tempo per un colpo di testa di Cassano fuori di poco: il primo tempo si chiude con l’Italia meritatamente avanti.

Chiellini, che errore – L’Italia che scende in campo dopo l’intervallo non ha più gli occhi della tigre. La Croazia ringrazia e punge fin dai primi istanti: Modric ci prova dal limite, Buffon blocca a terra. Ancora Modric protagonista pochi istanti più tardi: stavolta la botta da fuori termina alta. Gli azzurri provano a rendersi pericolosi dalle parti di Pletikosa, ma l’unica conclusione degna di questo nome arriva da 30 metri, quando la sassata di Balotelli termina alta non di molto. Dall’altra parte, invece, i croati sono più incisivi, e al 27′ trovano il gol del pari: cross lungo da sinistra di Strinic, Chiellini salta fuori tempo, Mandzukic controlla e di destro batte Buffon. Il gol del pari gela gli azzurri: Prandelli, che aveva appena inserito Di Natale, butta nella mischia anche Giovinco, ma l’unica conclusione è dell’altro nuovo entrato, Montolivo, che scalda i guanti a Pletikosa. Poi, più nulla: l’Italia stavolta delude, la qualificazione è a rischio.

Pier Francesco Caracciolo